Un post condiviso da Sonia Bruganelli (@soniabrugi) in data:

News

Satta e Bruganelli polemiche sul jet

By  | 

La polemica sui jet privati dei Vip continua ed ancora una volta sono loro i Bonolis ad accenderli. Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis ha postato qualche giorno fa uno scatto della figlia sul jet privato in volo per il Kenia, meta delle loro vacanze natalizie e subito sui social una feroce critica dai followers e un articolo del giornalista del corriere della sera Aldo Grasso che ha alimentato ancor di più il focolaio: “La signora Bonolis è cosciente di quello che fa, le piace provocare, un po’ come le figlie di Trump, Ivanka e Tiffany, che hanno fatto gli auguri di Natale agli americani dalla loro piscina di Mar-a lago, in bikini, può usare i soldi come meglio crede, è un suo sacrosanto diritto. Nondimeno, la classe è proprio ciò che non si può acquisire né inventare, è ciò con cui si nasce, una grazia connaturata”. Nello stesso calderone è caduta anche Melissa Satta accusata anche lei di voler far bella mostra della sua vita agiata postando le foto dei suoi spostamenti con marito, Kevin Prince Boateng e figlio, sempre su jet privato. Arrivata sui social la replica della Bruganelli a mezzo video, in maniera ironica, a nostro dire, ha chiesto scusa promettendo da oggi in poi di non usare mai più jet privati. Tanta carne al fuoco ma poco arrosto, si suol dire, I Vip sfruttano le loro possibilità, potrebbero ostentare un po’ meno l’agiatezza in cui vivono, magari pensando che nella realtà di oggi, ad alcuni, certi sogni sono addirittura proibiti, ma è la legge della vita, c’è chi può e chi non può.

 

 

Attenzione! Commentare su Newimagesmagazine.it è ancora più facile! Potrai farlo attraverso il sistema Disqus. Per poter lasciare un commento è necessario fare login. Potrai registrarti scegliendo un username e lasciando un indirizzo mail valido (sarà necessario farlo una sola volta e l'indirizzo email non sarà visibile on line agli altri utenti). Potrai loggarti anche attraverso il tuo profilo Facebook, Twitter o Google.
Ricorda che se non confermerai il tuo indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.

Continuando a navigare su questo sito accetti l'utilizzo dei Cookie. Più info

L'impostazione dei cookie per questo sito attiva il consenso automatico dei cookie per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se continui a utilizzare questo sito web senza cambiare l'impostazione dei cookie o se fai clic su "Accetto", accetti questi termini.

Chiudi